Un quartiere dove vivere

Seminterrato e pericolo Radon

Quando si ha a disposizione una viletta singola o a schiera costruita su più livelli speso si ha a disposizione anche il piano seminterrato o una cantina. La tentazione di trascorrere del tempo seminterrato o nelle sale hobby è forte ma questo spesso nasconde un pericolo.

Il radon è un gas pesante che si origina dal decadimento radioattivo dell’uranio e proprio per questa sua origine è anche lui radioattivo.

Il radon si trova in quasi tutti i terreni e a seconda delle caratteristiche di permeabilità, presenza di rocce, presenza di fratture e composizione chimica delle terreno stesso. Il radon fuoriesce continuamente dal terreno disperdendosi nell’aria aperta o concentrandosi nei luoghi chiusi come cantine e seminterrati. Il radon permea facilmente ni terreni e negli edifici passando attraverso le porosità del cemento e dei materiali di costruzione.

Per la sua radioattività il gas radon può essere pericoloso per l’uomo e gli animali tanto più che essendo inodore ed incolore non è possibile individuarne la presenza facilmente.

L’unico modo per valutare la presenza del gas radon e del livello di radioattività del vostro seminterrato è quello di effettuare una misurazione con uno strumento noto come “dosimetro”.

Esistono misuratori di tutti i tipi e fasce di prezzo. Mediamente con 200-300 euro si può acquistare un misuratore che ci potrà indicare lo stato di saturazione dell’aria.

Il radon si diluisce facilmente nell’aria ma essendo un gas pesante si accumula nei luoghi chiusi. Proprio i luoghi chiusi, come cantine e seminterrati possono essere soggetti ad accumulo di radon.

Anche se il radon ha una velocità di decadimento molto alta (sono sufficienti pochi giorni per dimezzare la sua radioattività). E’ pur vero però che i prodotti del decadimento (tra cui il 218Po e il 214Po) sono anch’essi radioattivi.

Si tenga presente che se nei seminterrati passano tubature anche l’acqua che vi scorre dentro tende ad accumulare una certa dose di radon, per quanto piccola contribuisce all’esposizione radioattiva complessiva alla quale siamo soggetti annualmente.

Il consiglio è quello di evitare di soggiornare eccessivamente in luoghi chiusi come seminterrati e cantine e comunque arieggiare sempre i locali nei quali si intende trascorrere del tempo.

Una misurazione professionale del radon, all’interno delle abitazioni nelle quali viviamo è certamente una precauzione necessaria per valutare la qualità dell’ambiente nel quale viviamo.